Se qualcuno ha, giustamente, ricordato che la parrocchia non ha un territorio, quasi fosse un’esclusiva riserva di caccia, o un feudo nel quale uomini e donne sono come rigidamente ingabbiati”(Marcello Semeraro, Lett. Past, I piedi della Chiesa, Oria, 2001, n.21), è anche vero che ogni comunità parrocchiale ha, in fondo, una specifica identità che la caratterizza e la distingue nel proprio proporsi come “Comunità in cammino”.

Solo così può vivere, sinceramente, nella ricerca della Verità, salvaguardando la sua vocazione dalle possibili derive di un mondo che, ogni giorno – con la pretesa di un moderno efficientismo – la spinge verso:

- l’autoreferenzialità, in cui ci si accontenta di trovarsi bene insieme, coltivando rapporti ravvicinati e rassicuranti,

- verso la fin troppo modesta visione di «centro di servizi» per l’amministrazione dei sacramenti.

La nostra identità può evincersi dalle foto, presentate in questa sezione, che rappresentano, in un piccolo mosaico, l’avvio di un percorso, sincero, di fede e di speranza.


A. La Formazione:

- dell’Azione Cattolica:

- della Diocesi:

.

B. Le Attività Parrocchiali:

- Le Cerimonie:

- Il divertimento:

.

C. Le Iniziative della Chiesa Universale:

- Progetti missionari ed iniziative di solidarietà:

.

D. Le Iniziative nell’ambito della Diocesi:

- L’esperienza dei Conventi di Clausura:

- I contatti con le Congregazioni Religiose:

- Le attività con le scuole:

.

E. Le Iniziative fuori Diocesi:

- La solidarietà e il rispetto per la Vita:

- La vocazione sacerdotale e laicale:

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento